Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

GITA ALL’OMBRA DEL VESUVIO – ERCOLANO E LA REGGIA DI PORTICI

domenica, 25 Settembre, 2016 - 7:30/20:00

Il 24 agosto dell’anno 79 d.c. il Vesuvio si risvegliò segnando nella storia della vulcanologia la più conosciuta e spettacolare eruzione che rase al suolo le città di Pompei, Ercolano, Stabia , Oplonti.

In questa gita proponiamo la visita alla scoperta di Ercolano e della Reggia di Portici..

Reggia di Portici

Un luogo incantato in cui immergersi nelle meraviglie di un passato lontano: questo fu per quarant’anni, nella seconda metà del XVIII secolo, la Reggia di Portici, probabilmente una delle prime e più affascinanti esperienze di museo realizzate nel secolo dei lumi. Nel 1758 per la lungimiranza di re Carlo III, la residenza borbonica raccolse tutte le opere provenienti dagli scavi appena iniziati nelle città di Ercolano e Pompei , dando vita all’Herculanense Museum che divenne meta privilegiata del Grand Tour.

Nel corso degli anni la raccolta si arricchì a tal punto che alla fine del XVIII secolo si pensò di portare l’ormai enorme collezione di antichità in un edificio più grande e centrale: l’attuale Museo Archeologico Nazionale di Napoli. Oggi, a più di trecento anni da quei giorni, nelle stesse sale si respira la medesima magia grazie all’esposizione permanente “Herculanense Museum. Laboratorio sull’antico nella Reggia di Portici”.

Herculanense Museum

Strutturato in quattordici sale, tra piano terra e primo piano, il riallestimento permette di compiere un vero e proprio salto nel tempo e dà modo di apprezzare quella che fu la disposizione originaria dei reperti all’interno della Reggia, permettendo al visitatore di immergersi nel gusto per l’antiquaria del settecento.

Protagoniste della esposizione sono le nuove tecniche multimediali che grazie a plastici, ricostruzioni tridimensionali e rese digitali ad altissima definizione degli affreschi, permettono di comprendere aspetti poco noti ai non addetti ai lavori.

Ercolano

Ercolano nota sin dall’antichità come centro di cultura e di arte, è tra le città vesuviane, la più ricca di storia, arte e bellezze naturalistiche. Perla del territorio vesuviano, condivide con la vicina Pompei e con le più piccole Stabia, Oplonti e Boscoreale lo stesso destino di morte

In tempi antichi Ercolano era una piccola città italica con piano regolatore di tipo ippodameo, cioè con strade che si incrociano ad angolo retto, sul modello forse di quello di Neapolis. Subì, come Pompei, l’influenza culturale ellenistica. Situata ai piedi del Vesuvio, distava appena quattro miglia da Neapolis. La vita della città continuò fino alla prima età imperiale senza avvenimenti di rilievo. Ercolano rimase un piccolo centro di provincia, favorito da un clima e da un paesaggio incantevoli.

Villa dei Papiri

Fu luogo preferito di romani colti e benestanti – non tanto in città ma particolarmente nella suburbana Villa dei papiri – e protetto da potenti uomini politici vicini alla famiglia imperiale. A differenza di Pompei essa  conserva in maniera molto più dettagliata mobili e decorazioni d’interni, mosaici e affreschi, tramezzi e porta in legno carbonizzato e non ultimi…i secondi piani delle case!

 

 

Casa di Nettuno e Anfrite

Leggendo le lettere di Plinio ed altre importanti testimonianze di autori antichi, percorreremo i cardines III, IV e V, il decumano inferiore e quello superiore, visitando le splendide domus (tra cui la Casa dell’Albergo, la Casa dello Scheletro e quella di Nettuno e Anfitrite dal meraviglioso cortile interno), il complesso delle Terme Centrali, gli edifici affacciati sul Foro, fino a raggiungere l’antica spiaggia e la zona dei Fornici con le toccanti testimonianze delle vittime della catastrofe.

 […] Una nube nera e terribile, squarciata da guizzi serpeggianti di fuoco, si apriva in vasti bagliori di incendio: erano essi simili a folgori, ma ancora più estesi [….] Dopo non molto quella nube si abbassò verso terra e coprì il mare[…]. Cadeva già della cenere, ma ancora non fitta. […] Scese la notte, non come quando non v’è luna o il cielo è nuvoloso, ma come quando ci si trova in un locale chiuso a lumi spenti. Udivi i gemiti delle donne, i gridi dei fanciulli, il clamore degli uomini: gli uni cercavano a gran voce i genitori, altri i figli, altri i consorti, li riconoscevan dalle voci; chi commiserava la propria sorte, chi quella dei propri cari: ve n’erano che per timore della morte invocavano la morte […]. 

Plinio al suo amico Tacito

Contributo associativo :

Quota € 60,00 per persona

La quota comprende:

  • Viaggio in pullman Gran Turismo a disposizione per l’intera durata del viaggio.
  • Archeologo Dott. Alessandro Locchi  per l’intera durata del viaggio.
  • Staff TempodiEventi.com per l’intera durata del viaggio.
  • Biglietti ingressi + spese di prenotazione
  • Assicurazione TempodiEventi.com.
  • Auricolari

La quota non comprende

  • Pasto ad Ercolano
  • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”.

 

  • Quota valida con minimo 30 persone.
  • Pagamento 30% all’atto della prenotazione.
  • Saldo 10 giorni prima della partenza.

N.B.: Per le famiglie con uno o più ragazzi/e quotazione ad hoc su richiesta. Preghiamo inviare una e-mail a: info@tempodieventi.com

  • La quota può essere soggetta a variazioni del costo preventivato dei biglietti d’ingresso, accessi, prenotazioni, per variazioni pedaggi autostradali, mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti.
  • In ogni caso eventuali variazioni saranno, da parte dell’organizzatore, preventivamente comunicate.

Cancellazioni

  • 25% della quota dopo la prenotazione fino a 10 giorni prima della partenza
  • Intera quota dopo i 10 giorni prima della partenza. (In caso l’organizzatore riesca a trovare la sostituzione con altri partecipanti, verrà restituito l’intero anticipo).

Per le prenotazioni vi preghiamo inviare e-mail a: info@tempodieventi.com

Organizzatore

Rita
Telefono:
339 36.69.831
Email:
info@tempodieventi.com

Luogo

Stazione Ferroviaria Roma Ostiense
Piazzale dei Partigiani
Roma, Italia
+ Google Maps

I commenti sono chiusi.