Caricamento Eventi

« Tutti gli Eventi

  • Questo evento è passato.

NAPOLI SVELATA

sabato, 10 Novembre, 2018 /lunedì, 12 Novembre, 2018

NAPOLI SVELATA: VIAGGIO CULTURALE A NAPOLI E POMPEI

Napoli è rimasto per me un certo paese magico e misterioso dove le vicende del mondo non camminano ma galoppano, non s’ingranano ma s’accavallano, e dove il sole sfrutta in un giorno quello che nelle altre regioni tarda un mese a fiorire.

(Ippolito Nievo)

 

 SABATO 10 NOVEMBRE

Ore 07.30 Partenza dalla Stazione Ferroviaria di Roma Ostiense con pullman GT

 

ORE 10.30  LA CERTOSA DI SAN MARTINO 

Dove lo splendore barocco si erge sulla sommità della collina del Vomero

Sopra la collina del Vomero, in una posizione unica con vista su Napoli: piazze e Chiese del Centro, Porto e Vesuvio.
L’intera Certosa e Museo si presentano come un Castello arroccato su uno sperone di roccia da cui degradano case, vicoli e scalinate.

Visiteremo la Chiesa, i Chiostri e il Quarto del Priore, ambienti alla cui decorazione si sono alternati i più grandi artisti, architetti e decoratori del ‘600/ ‘700.

La visita si concluderà sulla meravigliosa terrazza aperta su uno dei più suggestivi scorci del golfo di Napoli e sui giardini della Certosa. L’itinerario avrà la durata di circa due ore.“

PRANZOLIBERO

ORE 14.30 sistemazione in hotel 4 stelle centrale

 

ORE 16.00 COMPLESSO MONUMENTALE  DI SANTA CHIARA

La poetica bellezza napoletana

Nel cuore del centro storico napoletano sorge l’antico Complesso Monumentale di Santa Chiara. La sua costruzione ebbe inizio nel 1310, per volontà del re Roberto d’Angiò e di sua moglie Sancia di Maiorca. La cittadella francescana fu realizzata costruendo due conventi: uno femminile per le clarisse e l’altro maschile per i frati minori francescani.    La chiesa si presenta oggi nelle sue originarie forme gotiche, con una semplice facciata nella quale è incastonato un antico rosone traforato. Nel 1742 la chiesa subì delle modifiche per opera dell’architetto D. A. Vaccaro. Fastosi rivestimenti donarono al complesso un aspetto barocco.

L’ estrema ricchezza  del chiostro con i colori contrastanti delle maioliche policrome, si trova al centro di un morigeratissimo monastero. Questi elementi così apparentemente in disaccordo si uniscono per creare uno dei gioielli dell’arte e dell’architettura italiana.

All’interno della struttura si può inoltre ammirare un Museo che conserva alcuni tesori scampati al bombardamento del 1943, uno stabilimento termale romano del I sec d.C. e un tradizionale presepe con pastori del Settecento e dell’Ottocento.

 

 ORE 17.30  CHIESA DEL GESU NUOVO

Il mistero della melodia incisa sul bugnato della facciata

La chiesa del Gesù Nuovo rappresenta un unicum a Napoli in quanto singolare esempio di palazzo privato trasformato in edificio ecclesiastico.

Intitolata alla Madonna Immacolata, sin dal primo momento però l’edificio venne identificato come “Chiesa del Gesù Nuovo”, distinguendola così da un’altra Chiesa preesistente, detta del Gesù Vecchio.

 L’interno, in stile barocco con pianta a croce greca e suddiviso in tre navate, si presenta maestoso e vivace per il rivestimento marmoreo policromo delle pareti e la ricchezza degli altari. In tutto vi sono undici cappelle laterali con altrettanti altari, anch’essi ricchi di decorazioni. Nella cappella della Visitazione si celebra il culto di San Giuseppe Moscati, ricercatore, medico e docente universitario, canonizzato da Giovanni Paolo II il 25 ottobre del 1987.

Ammireremo le opere di importanti artisti quali Giovanni Lanfranco, Cosimo Fanzago, Luca Giordano e Francesco Solimena.

Inoltre numerosi artigiani, intagliatori, scalpellini, ottonari e stuccatori hanno partecipato alle rifiniture della Chiesa nel suo complesso. Ciò che rapisce completamente gli occhi all’interno della Chiesa del Gesù Nuovo è l’altare maggiore, un vero gioiello prezioso, innalzato nel 1854.

 

DOMENICA 11 NOVEMBRE

 

 ORE 9.30  MUSEO DELLE ARTI SANITARIE E FARMACIA STORICA

 “Qui l ‘arte aiuta a guarire

Apertura straordinaria 

Il Complesso degli Incurabili è tra i più importanti siti monumentali di Napoli; di epoca rinascimentale, si trova nel centro storico, non lontano dal decumano superiore (ora via dell’Anticaglia). Il complesso, originariamente, comprendeva la chiesa di Santa Maria del Popolo, la chiesa di Santa Maria Succurre Miseris dei Bianchi e lo storico ospedale di Santa Maria del Popolo degli Incurabili. Col tempo ingloberà anche la chiesa di Santa Maria delle Grazie Maggiore a Caponapoli e l’omonimo chiostro, il complesso di Santa Maria della Consolazione, la chiesa di Santa Maria di Gerusalemme e il chiostro delle Trentatré. Lo storico ospedale degli Incurabili, fondato nel 1521 da Maria Lorenza Longo che volle tener fede ad un voto fatto quando era vittima di una malattia che l’aveva paralizzata, oltre agli altri pregi, racchiude la notevolissima farmacia settecentesca realizzata da Bartolomeo Vecchione; essa, quasi del tutto intatta, è composta da due sale con l’originaria scaffalatura completamente in legno, sulla quale, sono presenti circa 400 preziosi vasi in maiolica dell’epoca, realizzati da Donato Massa. L’insieme di queste struttura racchiude quelle che rappresentano alcune fra le più importanti testimonianze del rinascimento napoletano. Il complesso è una rarissima testimonianza di un’opera umanitaria e sanitaria dell’epoca che avrebbe dovuto accudire i malati incurabili.
Nel cortile degli Incurabili, tra l’elegante piperno, le corti cinquecentesche e le antiche sale dell’ospedale fondato dalla beata Lorenza Longo, si respira un barocco un po’ speciale: qui l’arte aiuta a guarire. Luogo d’incontro tra scienza e arte la Farmacia storica negli Incurabili è anche la parte meglio conservata dell’antico ospedale del Reame. Insuperato capolavoro del barocco-roccocò, è al tempo stesso efficiente laboratorio del farmaco ed luogo di rappresentanza per l’élite scientifica dell’Illuminismo napoletano.

Con il personale interno del Complesso visiteremo: il Chiostro, Il Museo, La Farmacia storica e l orto medico

 

PRANZO LIBERO

 

 ORE 15.40 

MUSEO ARCHEOLOGICO NAZIONALE DI NAPOLI

Un tesoro restituito alla città di Napoli

Il museo archeologico di Napoli  (MANN) fondato dai Borbone alla fine del XVIII sec., è il più antico museo d’Europa.

Il MANN è sicuramente una delle meraviglie partenopee (e del mondo), non solo per la quantità e il valore delle sue collezioni di arte antica, ma anche per il sapiente e ben curato allestimento. Tanto da essere eletto “il migliore Museo in Italia” ,dall’autorevole Artribune ,

 Le opere che vi sono conservate sono varie e splendide, basti pensare che racchiude la splendida collezione Farnese e dei Borgia, reperti di Pompei ed Ercolano, una vasta sezione sull’antico Egitto ed una sulla numismatica. Le meraviglie da vedere al MANN sono tantissime.

Al piano terra del MANN , nel grandioso atrio riallestito nel 2009, domina imperiosa la Testa Carafa, spettacolare scultura di testa di cavallo, recentemente attribuita dalla critica a Donatello, dopo essere stata creduta per secolo un’opera dell’antichità

La mirabile Collezione Farnese. Ovunque volgi lo sguardo c’è un capolavoro visto tante volte su libri e manuali d’arte, e ora sono qui quasi uno a fianco all’altro, non sai da dove cominciare! Collezione di statuaria romana proveniente in particolare  dalle Terme di Caracalla

La nostra attenzione sarà particolarmente rivolta alle collezioni musive, ai dipinti murali e ai reperti, provenienti da Pompei, che visiteremo il giorno successivo.

La collezione musiva,  per l’eccezionalità e la bellezza dei suoi reperti, occupa ben cinque stanze, 

Battaglia di Isso l’ enorme mosaico (m 5,82×3,13) che decorava il peristilio della Casa del Fauno a Pompei. Un’opera che fa strabiliare non solo per la bellezza del disegno, ma anche per la tecnica usata, un opus vermiculatum le cui tessere non arrivano ai 2mm per lato!!

Le meravigliose pitture murali sono sistemate prevalentemente secondo criteri geografici. Quelle  spettacolari provenienti dagli  scavi di Villa dei Papiri a Ercolano sale che espongono ceramiche e quelle dedicate al culto di Iside a Pompei.

Una grande area è dedicata alle  notevoli collezioni di pitture murali al mondo: quelle provenienti dalle case vesuviane di Pompei, Ercolano e Stabia.

La visita sarà condotta dal Dott. A. Delfino.

 

ORE 19.15   INVITO A PALAZZO

Cena e spettacolo al Palazzo dello Spagnolo  

Napule è ‘nu paese curioso: è ‘nu teatro antico, sempre apierto. Ce nasce gente ca’ senza cuncierto  scenne p’ ‘e strate e sape recità.” (Eduardo De Filippo)

Concluderemo il nostro soggiorno a Napoli, nell’ipnotico e sorprendente Palazzo dello Spagnolo. Palazzo aristocratico  del ‘700  situato nel quartiere Sanità, famoso per le sue elaborate scale ad ali di Falco che creano un aurea scenografica. Set di numerosi film e fiction. All’interno di una delle abitazioni, è nata un Associazione culturale,una piccola cooperativa familiare, che organizza cene-spettacolo, avvalendosi di estrosi e versatili  artisti. La casa , con i suoi soffitti altissimi ed i suoi ampi spazi è arredata con gusto particolarissimo. Un luogo dove si può respirare arte,cultura e più in generale bellezza. Il segreto del successo delle loro serate,  è dovuto dal fatto che oltre alla cultura c è anche una grande convivialità.    

 L’ evento è in esclusiva per l’Associazione.

Dopo un aperitivo di benvenuto, avremo il piacere di assistere ad uno spettacolo musicale  “Dolores Melodia in duo” (voce,fisarmonica e chitarra).

 

Antonella Monetti, in arte Dolores Melodia, attrice, regista, cantante, scrittrice è una donna poliedrica dalla forte personalità e dalla grande apertura mentale, un’artista completa che dà lustro alla città di Napoli, arricchendola con la sua dedizione culturale legata alla tradizione e al suo impegno sociale. Con il suo repertorio, Dolores, incolla tutti i pezzi musicali della città,  la comicità di Pisano-Cioffi, lo spessore di Viviani,  il lirismo delle canzoni napoletane classiche e la passione di quelle di giacca, l’impegno dei cantautori e il disimpegno dei neomelodici, perchè dal mare la città di Napoli lei l’ha sempre vista tutta intera.

La serata si concluderà con una cena a base di piatti tipici della tradizione napoletana, preparati dalle abili mani della Sig.ra Mena

 

LUNEDI 12 NOVEMBRE

 

ORE 09.00  Partenza per Pompei

 

PARCO ARCHEOLOGICO DI POMPEI

Viaggio all’interno del più grande scavo in un’area non ancora indagata dell’antica città

 A 270 anni dalla scoperta di Pompei visiteremo questa “Regio” delle meraviglie.

Pompei, con i suoi 66 ettari di cui circa 50 scavati (comprese le aree suburbane), è un insieme unico di edifici civili e privati, monumenti, sculture, pitture e mosaici di tale rilevanza per la storia dell’archeologia e per l’antichità da essere riconosciuto come Patrimonio dell’Umanità dall’ UNESCO.

La cenere ed i lapilli che seppellirono la città in seguito all’eruzione del Vesuvio del 79 d.C., narrata nelle due famose epistole di Plinio il Giovane ma ricordata anche dagli storici dell’epoca, ne hanno infatti consentito un’eccezionale conservazione permettendo di avere un’immagine vivida dell’organizzazione delle città romane, come della vita quotidiana dei suoi abitanti.

La visita si svolgerà  nell’arco della giornata, il mattino dalle 10 alle 12,30 – sosta per il pranzo( restando nel sito archeologico), e dalle 14,30 alle 16,00 circa

Non è consentito introdurre all’interno dei siti borse, zaini, bagagli, custodie, le cui dimensioni siano superiori a 30 x 30 x 15 cm. Si consiglia un abbigliamento  e scarpe comode. Anche se è Novembre proteggersi  con un capellino ed una crema solare, portare una bottiglietta d’acqua.

La visita sarà condotta dal Dott. A. Delfino.

ORE 17.30 circa Partenza per Roma.

 

QUOTA DI PARTECIPAZIONE IN CAMERA DOPPIA

  • € 340,00 a persona  da un minimo di 25 persone
  • € 320,00 a persona da un minimo di 30 persone

SUPPLEMENTO SINGOLA

  • € 50,00 per le 2 notti 

La quota comprende:

  •          Tutti i trasferimenti in Pullman privato Gran Turismo 
  •           Pasti autista
  •           Permessi bus Napoli e Pompei
  •          Due notti in hotel 4 stelle centrale,  in pernottamento e prima colazione
  •          Facchinaggio hall/stanza/ hall
  •          Tassa di soggiorno
  •          Pre-accettazione in hotel.
  •          Guida privata per l’intera durata del soggiorno
  •          Archeologo da Roma per la visita al Museo archeologico di Napoli e Pompei
  •          Tutti i biglietti d’ingresso e prevendita gruppo dei siti storici 
  •           Apertura straordinaria del museo delle arti sanitarie.
  •          Cena  e spettacolo in esclusiva per i partecipanti al Palazzo dello Spagnolo
  •          Audioradio per l’intera durata del viaggio
  •          Assicurazione medica e bagaglio 
  •          Staff TempodiEventi.com per l’intera durata del viaggio.

La quota non comprende

  • Pasti dove non indicati nel programma
  • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce “la quota comprende”.

 

Le prenotazioni dovranno pervenire entro il 30 settembre

  •   Pagamento 30 % all’ atto della prenotazione.
  •   Saldo entro il 29 ottobre

N.B.: Per le famiglie con uno o più ragazzi/e, quotazione ad hoc su richiesta . Inviare email a :    

            info@tempodieventi.com

  •  La quota può essere soggetta a variazioni del costo preventivato dei biglietti d’ingresso, accessi, prenotazioni, per variazioni pedaggi autostradali, mancato raggiungimento del numero minimo di partecipanti.
  •  Il programma potrà subire delle variazioni che saranno preventivamente comunicate dall’organizzatore.

Cancellazioni

  •   nessuna penale entro il 02 ottobre
  •   44% della quota dal 03 ottobre al 11 ottobre
  •   50% della quota dal 12 ottobre al 23 ottobre
  •   75% della quota dal 24 ottobre al 30 ottobre 
  •   100% della quota dal 31 ottobre
  •   In caso l’organizzatore riesca a trovare la sostituzione con altri partecipanti, verrà restituito l’intero anticipo.

 

 

Consulta le condizioni di vendita

 

Dettagli

Inizio:
sabato, 10 Novembre, 2018
Fine:
lunedì, 12 Novembre, 2018
Categorie Evento:
,

Organizzatori

Rita
Lorenzo

Luogo

Stazione FS Roma Ostiense
Piazzale dei Partigiani
Roma, 00154 Italia
+ Google Maps

I commenti sono chiusi.